Fondo Vilfredo Pareto
Il Fondo Vilfredo Pareto si compone di una preponderante parte documentaria e di una libraria.

La parte documentaria, acquisita dalla Banca Popolare di Sondrio nel ’96 a un’asta Christie’s, forma il nucleo iniziale del Fondo e comprende oltre 8500 lettere autografe di Vilfredo Pareto, copiate tramite il procedimento meccanico-chimico dei copialettere e conservate in 20 registri originali e 1 busta.
Nell’insieme costituisce la più consistente raccolta epistolare paretiana esistente al mondo e rappresenta una fonte di straordinaria importanza per gli studi su Pareto, per la storia dell'analisi economica e sociologica, la storia d'Italia e d'Europa, la conoscenza di uomini, avvenimenti, fenomeni sociali e politici che hanno caratterizzato la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.
La documentazione copre un arco temporale che va dal 1874 al 1923.
Le lettere del primo periodo (1874-1890), in cui Pareto è direttore della Società per l'Industria del Ferro e della Società delle Ferriere nel Valdarno, riguardano l'amministrazione dell'azienda, la gestione tecnica e del personale e i rapporti con altre industrie del settore siderurgico.
Poco definibile in funzione delle attività svolte da Pareto è invece il contenuto delle lettere scritte a partire dal 1899, epoca in cui l’economista e sociologo è professore all’Università di Losanna e si dedica agli studi e alla stesura delle sue più importanti opere. In effetti, senza alcuna distinzione od ordine apparenti, accanto alla corrispondenza di carattere culturale e scientifico (teorie economiche e sociologiche, analisi e critica dei principali avvenimenti dell'epoca, corrispondenza con giornali e riviste, ecc.), si trova ampia testimonianza di messaggi relativi alla vita privata: acquisto di prodotti alimentari, capi di vestiario e generi di varia natura, ordini di libri per la biblioteca personale, comunicazioni e contatti con istituti bancari e agenti finanziari contenenti disposizioni per la gestione del patrimonio, rapporti con avvocati e persone di fiducia che ebbero parte nella controversia giuridica per la causa di separazione dalla prima moglie, lettere a familiari e parenti.
Tra i più noti destinatari delle lettere di contenuto scientifico, ricorrono economisti quali Maffeo Pantaleoni, Francis Ysidro Edgeworth, Luigi Einaudi, Irving Fisher e John Maynard Keynes, intellettuali come Benedetto Croce, Giovanni Gentile, Giuseppe Prezzolini e Georges Sorel, il premio Nobel per la pace Ernesto Teodoro Moneta, il letterato Filippo Tommaso Marinetti, il fisico Galileo Ferraris.

La sezione libraria del Fondo, che sarà sistematicamente alimentata con nuove acquisizioni, fornisce il naturale supporto bibliografico alla sezione documentaria. Include l’opera omnia di Pareto e i più importanti saggi che ne indagano il pensiero, nonché pubblicazioni che si riferiscono a luoghi o situazioni nel cui contesto l’economista e sociologo si trovò ad operare.

I documenti originali e i volumi del Fondo Vilfredo Pareto non sono ammessi al prestito, ma consultabili in sede dietro richiesta al personale addetto. Una completa descrizione dell’archivio paretiano, con il catalogo delle lettere, è consultabile on-line, all’indirizzo internet www.popso.it/fondopareto/.

 
© 2007- - Diritti riservati - Banca Popolare di Sondrio - Dati societari